Manifesto Pubblicitario

Manifesto Pubblicitario

La pubblicità è il mezzo essenziale per far conoscere un marchio, un’azienda, prodotti e servizi che si offrono.

La maniera più efficace per raggiungere nuovi clienti è quella di creare una strategia di marketing adatta a promuovere al meglio il brand, uno dei mezzi più efficaci, nonché il più tradizionale è il manifesto pubblicitario.

Esso è stato la prima forma propagandistica, nata con il preciso scopo di persuasione all’acquisto, di prodotti e servizi, rivolto a tutti.

Efficacia del manifesto pubblicitario

Il manifesto pubblicitario ha radici molto antiche, prima ancora di essere utilizzato come mezzo di pubblicità, venne creato per comunicare informazioni di una certa rilevanza.

La stampa dei manifesti venne utilizzata soprattutto per divulgare notizie politiche e religiose, poi ci si accorse che l’efficacia di questo mezzo era notevole, perché le notizie stampate su di un manifesto, affisso in luoghi pubblici, potevano raggiungere immediatamente migliaia di persone; quindi si iniziò a considerarlo un ottima forma di pubblicità anche a fini commerciali.

Tipologie di manifesto e brevi cenni di storia

manifesto-pubblicitario

Il manifesto ha praticamente contribuito per primo a fare la storia dell’advertising.

Vi sono diverse tipologie di manifesti: grandi 6×3 mt., 6×6 mt. e 12×3 mt., di solito collocati in zone cruciali delle città, dove vi è un gran passaggio di persone e veicolare; manifesti di piccole dimensioni 140×200 cm., adatti a raggiungere un pubblico più intimo, e manifesti collocati all’interno di locali ; locandine che contengono messaggi specifici, messe in apposite bacheche.

I manifesti possono avere dimensioni diverse, ma tutti hanno un unico scopo: quello di essere uno strumento chiave per far notare un messaggio da comunicare.

Il manifesto deve rapire lo sguardo del passante, e deve farlo in maniera accattivante, questo concetto nasce già nell’800 con i primi manifesti, che contenevano disegni e stampe che erano vere e proprie opere d’arte moderna e d’avanguardia per quei tempi.

Oltre alle figure, man mano, prende piede l’introduzione di testi sui manifesti che hanno lo scopo di rafforzare la potenza visuale delle immagini e comunicare al meglio il messaggio pubblicitario.

Dal disegno, stilizzato o realistico, si passa alle foto che negli anni diventano sempre più creative, seguendo l’evoluzione tecnologica in fatto di immagini e grafica.

Siccome la stampa pubblicitaria in serie, ha permesso di abbattere notevolmente i costi, e la fotografia di riprodurre immagini in maniera più veloce ed agevole rispetto alla creazione di disegni, i manifesti pubblicitari di nuova generazione di solito sono cartelli che riproducono immagini sempre più precise e realistiche e testi creati ad arte per suscitare stupore ed emozione in chi li guarda.

Perché utilizzare i manifesti come forma pubblicitaria

I manifesti sono tutt’oggi una delle forma di marketing promozionale preferite da molte aziende, in quanto non richiedono ingenti investimenti, sono veloci da ordinare e creare, capaci di raggiungere un numero infinito di persone.

La nostra vita quotidiana è costantemente all’aperto, siamo fuori per lavorare, per divertirci, circoliamo per le strade a piedi ed in auto, e di continuo siamo esposi alla visione di manifesti.

E’ praticamente impossibile che le persone non leggano, non vedano o non si soffermino davanti ad un manifesto pubblicitario, e spesso lo fanno più volte al giorno, tutti i giorni.

L’effetto di imprinting della memoria che il messaggio pubblicitario su di un manifesto ha su tutti noi è notevole, tanto più se è stato creato con professionalità e competenza.

Nostro malgrado cosa vediamo e leggiamo sui manifesti riesce ad influenzare la nostra propensione all’acquisto e anche la nostra scelta dei prodotti pubblicizzati, proprio perchè vedendoli tutti i giorni ci diventano famigliari.

Per questi motivi, brand e aziende sanno che l’utilizzo del manifesto è molto efficace per incrementare la potenziale clientela e di conseguenza i guadagni.

Perché rivolgersi a professionisti per la creazione di un manifesto pubblicitario

Può sembrare semplice creare un manifesto pubblicitario che sponsorizzi un marchio, un prodotto o un servizio, ma non lo è affatto.

L’operazione non consiste solo in una efficace progettazione grafica, ma in tutta una serie di analisi di mercato che vanno dalle preferenze della clientela, sino all’evoluzione delle tecniche di marketing e delle tecnologie divulgative dei messaggi pubblicitari.

Affidarsi a professionisti seri e competenti che svolgano tutte queste funzioni assicura la creazione di un manifesto pubblicitario davvero capace di valorizzare il brand, i prodotti o servizi e i messaggi.

La progettazione di un manifesto pubblicitario efficace può davvero tradurre il marketing in guadagni stabili e duraturi, nonché aiutare le aziende a diventare leader indiscussi del settore di mercato a cui appartengono.

Per info e preventivi contattaci sul numero di telefono 095 2862422 oppure invia una email info@BlogPayAzienda

Manifesti pubblicitari: cosa sono?

I manifesti pubblicitari sono forse la più antica forma di comunicazione che l’essere umano ha a sua disposizione per farsi conoscere e promuovere le proprie attività o dare informazioni utili alla comunità in cui è inserito. La storia della pubblicità e la sua evoluzione sono infatti legate a doppio filo con quella delle affissioni, uno strumento utilizzato da sempre per rispondere a diverse necessità di promozione. Ad esempio, i manifesti pubblicitari sono il tradizionale strumento impiegato a scopi propagandistici sin dall’epoca della rivoluzione industriale. Tuttora utilizzati quando si avvicinano i periodi delle elezioni per mettere in mostra i singoli candidati, i manifesti pubblicitari da sempre vengono impiegati per fare comunicazione politica.

Utilizzati per moltissimi altri scopi, i manifesti pubblicitari si rivelano particolarmente efficaci per la promozione di eventi nelle vicinanze, così come per comunicare la disponibilità di singole offerte dei negozi della zona.

Come si può intuire, i manifesti pubblicitari funzionano molto bene quando si tratta di promuovere attività sul territorio, per comunicare l’apertura di nuovi negozi oppure per segnalare che ci si sta avvicinando a un’area di interesse, come ad esempio un ristorante o un centro commerciale. Al contrario, le affissioni pubblicitarie risultano invece meno utilizzate, in quanto meno efficaci, per scopi di branding e comunicazioni generaliste. Questo perché esse agiscono sul potenziale cliente a un livello di immediatezza e risulterebbero poco impattanti per esporre la persona ad acquisti che prevedono processi decisionali impegnativi o a marchi sconosciuti. Vediamo di seguito come creare un messaggio che risulti d’impatto e qual è l’iter da seguire per chi desidera pubblicare un’affissione pubblicitaria.

Corso Carlo Marx direzione Catania Misterbianco Catania Cartelloni Pubblicitari
Corso Carlo Marx direzione Catania Misterbianco Catania Cartelloni Pubblicitari

Come strutturare una corretta comunicazione per un manifesto pubblicitario?

Le affissioni a scopi pubblicitari sono dislocate strategicamente in punti con molto traffico di passaggio, sia pedonale sia di automobili. Ovviamente questo implica che il messaggio va strutturato al meglio, tenendo sempre a mente l’obiettivo finale che è quello di colpire immediatamente l’occhio del passante, catturandone l’attenzione per poter arrivare dritto al punto. Ecco che per cogliere nel segno meglio dare via libera a colori vivaci, messaggi testuali che pongono domande al potenziale cliente, magari evidenziando un problema o un’esigenza latente. Un’altra strategia spesso utilizzata è quella di scegliere foto molto d’impatto, con volti grandi che guardano il cliente dritto negli occhi per suggerire una relazione.

Una volta studiato il messaggio più adeguato e approvata la creatività, per poter pubblicare la propria affissione ci si affida alle concessionarie di pubblicità della zona. In una città possono esserci più concessionarie diverse, che offrono posizionamenti in grado di rispondere a svariate esigenze, che possono differire principalmente per il tipo di target che si vuole andare a colpire. Se, ad esempio, si è alla ricerca di intercettare un pubblico molto giovane oppure over 60, una scelta oculata può essere quella di affittare gli spazi pubblicitari delle pensiline degli autobus. Se invece si sta cercando di colpire dei manager o un target alto-spendente, si potranno affittare degli spazi pubblicitari vicino a zone industriali o tangenziali. A seconda della zona, si procede quindi con il contattare la concessionaria di pubblicità più adeguata, la quale proporrà il noleggio di un determinato slot di spazi disponibili per un certo periodo di tempo (generalmente non inferiore a 14 giorni di calendario). Gli spazi hanno costi molto diversi tra loro a seconda di dove sono posizionati e quanta esposizione promettono di far avere al messaggio pubblicitario. Sul prezzo del singolo spazio può influire inoltre anche la stagione: se si vuole assicurarsi una promozione che colpisca i consumatori durante un periodo caldo come Natale o i saldi, è probabile che il costo aumenti in virtù della maggiore concorrenza.

Quando si saranno scelti gli spazi, l’azienda dovrà fornire alla concessionaria la creatività declinata in tutti i formati richiesti che possono andare dai 6×3 (i più grandi e impattanti) ai classici 100×140 delle pensiline degli autobus.

I più moderni tipi di affissioni pubblicitarie sono provvisti di digitalizzazioni, per permettere di quantificare il ritorno sull’investimento in quote pubblicitarie. Uno dei principali problemi che ha causato una notevole flessione negli investimenti in anni passati si è dovuto proprio all’avvento della comunicazione digitale che permette per un costo inferiore di misurare i risultati ottenuti.

,